La rivoluzionaria tecnologia Civic Tech e Gov Tech promette più efficienza, trasparenza, risparmio economico, inclusione e collaborazione. Tecnici informatici, ingegneri, esperti di AI, sensori IoT, Analytics e Open Data non sono gli unici a lavorare alle tecnologie civili e governamentali. Anche sociologi, economisti e rappresentanti delle pubbliche istituzioni sono chiamati a dare un contributo importante al futuro dei servizi e delle infrastrutture urbane.

Il crescente interesse verso Civic Tech e Gov Tech

L’interesse per le tecnologie civili e governamentali varia da paese a paese. Mercati più maturi, come quello degli Stati Uniti, sfruttano già da tempo le Civic Gov per rendere le PA più efficienti, reattive ed in grado di servire al meglio la società.

I vantaggi sono considerevoli, sia per il governo sia per imprese, cittadini e comunità. Pure alcuni paesi europei come il Regno Unito, la Francia e la Germania investono in modo cospicuo nelle Civic Gov.

Un esempio di successo di implementazione di Civic Tech si riscontra in India, dove persiste da tempo un intenso dialogo virtuale tra i cittadini e il governo su importanti questioni di governance.

In Italia il trend di crescita dei due settori è ancora basso, anche se molte PA stanno manifestando un interesse sempre maggiore in questo senso.

Civic Tech vs Gov Tech, i due termini a confronto

I concetti Civic Tech e Civic Gov sono caratterizzati da alcune differenze: i due approcci si distinguono l’uno dall’altro in base a scopi e obiettivi da raggiungere.

Civic Tech per migliorare il benessere del cittadino

Civic Tech si riferisce a tecnologie orientate a informare, coinvolgere e connettere le PA con gli utenti urbani allo scopo di migliorare il loro benessere.

crowdplanning---perugia-zip---gov-tech---wisetown

I cittadini, ormai abituati ai servizi digitali (home banking, on-line shopping ecc.) hanno le stesse aspettative anche in merito ai servizi delle pubbliche amministrazioni. Programmare comodamente da casa appuntamenti ospedalieri, avere l’accesso on-line al ticketing intelligente dei mezzi pubblici per pianificare i propri viaggi, accedere ai documenti digitali senza la necessità di recarsi in comune ecc. sono dei vantaggi che possono cambiare la vita dei cittadini. Alcune soluzioni sono già attive anche nelle città italiane, molte sono ancora da implementare.

Civic-tech---segnalazione-buche---WiseTown

Civic-tech—segnalazione-buche—WiseTown

Civic Tech prevede anche delle interfacce urbane che permettono alla PA di interagire con i cittadini per informarli sui problemi di traffico, situazioni di emergenza, incidenti ecc. Le informazioni non sono disponibili soltanto dai classici dispositivi (smartphone, computer tablet ecc.), piattaforme, canali social media e anche totem interattivi, pannelli e monitor posizionati nei punti urbani nevralgici, conferiscono l’accesso a informazioni, offrono accoglienza virtuale, concedono l’accesso veloce e ottimizzato a servizi innovativi a cittadini, turisti e aziende.

 

Le tecnologie civili offrono inoltre nuovi canali per favorire la partecipazione della comunità nel miglioramento dei servizi urbani, incoraggiandoli a valutare la qualità dei servizi pubblici e ad identificare e segnalare i problemi da risolvere. Gli input degli utenti possono riguardare presenza di buche nelle strade, lampioni non funzionanti, allagamenti a seguito di condizioni meteo avverse ecc. L’integrazione di app, piattaforme e canali social con i sistemi di segnalazioni porta a risparmi cospicui nei costi di personale e nella riduzione dei tempi medi per le riparazioni stradali.

Il successo e il funzionamento delle tecnologie civili é valutato in base all’engagement ottenuto, al numero di utenti coinvolti e soprattutto al loro sentiment.

Gov Tech per aumentare l’efficienza delle PA

Gov Tech si riferisce ad una vasta gamma di tecnologie innovative, messe a disposizione delle PA. L’enorme ragnatela di dati raccolti, monitorata ed elaborata attraverso piattaforme, sensori, tecnologie informatiche e telematiche viene analizzata a beneficio della città. Tradizionalmente gli enti pubblici facevano riferimento alle grandi aziende IT per lo sviluppo di software e piattaforme proprietarie molto diverse tra di loro e non interconnesse. La progettazione e l’implementazione delle tecnologie smart permettono di digitalizzare molte attività offline, oltre alla possibilità di offrire servizi migliori, di ridurre gli errori, di condividere facilmente i dati, di operare in modo trasparente, di ottimizzare i tempi e l’efficienza e soprattutto di ridurre considerevolmente la spesa pubblica.

Gov Tech è proiettata a trasformare il modo in cui gli enti pubblici conseguono i risultati prefissati in molteplici settori della città: gestione del traffico, regolamentazione degli accessi ai servizi, monitoraggio dell’acqua, inquinamento atmosferico, fattori climatici ecc.

Civic Tech e Gov Tech operano virtualmente monitorando, raccogliendo ed elaborando l’enorme ragnatela di dati per favorire cittadini, aziende, turisti e PA. Tali modelli tecnologici rappresentano un’opportunità per creare un ambiente in cui prospera l’innovazione e dove possono emergere nuove soluzioni volte a migliorare i risultati.